martedì 31 agosto 2021

Michael Fiedrowicz su Traditionis Custodes. “Non sanno nemmeno cosa è stato loro tolto” : “Ricorda moltissimo 1984 di George Orwell”

Riprendo da Rorate Caeli, nella nostra traduzione, un articolo del Prof. Dr. Michael Fiedrowicz, esperto di storia e liturgia della chiesa e autore di un ottimo libro accademico sulla Messa antica: “La Messa tradizionale: Storia, Forma e teologia del rito romano classico” (Angelico Press, 2020). Questo scritto è apparso prima negli “IK-Nachrichten” dell'associazione Pro Sancta Ecclesia e poi il 30 agosto su CNA-Deutsch. Il professor Fiedrowicz insegna Patrologia e Archeologia cristiana presso la Facoltà di Teologia di Treviri, Cattedra di Storia della Chiesa antica. È un sacerdote dell'arcidiocesi di Berlino. Qui l'indice dei precedenti e correlati.

“Non sanno nemmeno cosa è stato loro tolto”
Prof. Dr. Michael Fiedrowicz

Lex orandi–lex credendi

cancellazione, damnatio memoriae
Il 16 luglio 2021, festa della Madonna del Carmine, è stata promulgata l'Esortazione apostolica in forma di Motu proprio Traditionis custodes sull'uso della Liturgia romana prima della riforma del 1970. L'articolo 1 recita: “I libri liturgici promulgati dai Papi san Paolo VI e san Giovanni Paolo II in conformità ai decreti del Concilio Vaticano II sono l'unica espressione (l'unica espressione ) della lex orandi del rito romano."
Per apprezzare le piene implicazioni di questa disposizione, è necessario sapere che il termine lex orandi - la legge o regola della preghiera - fa parte di una formula più ampia coniata nel V secolo. Il monaco latino (della Gallia) Prospero d'Aquitania, tra il 435 e il 442, formulò il principio: “affinché la regola della preghiera determini la regola della fede” (ut legem credendi lex statuat supplicandi). Sullo sfondo c'era una controversia teologica sulla grazia. La questione era se il primo inizio della fede (initium fidei) procedesse anche dalla grazia di Dio o solo dalla decisione dell'uomo. Egli ha fatto riferimento alla preghiera di intercessione e di ringraziamento della Chiesa, significativa per la dottrina della grazia: «Ma teniamo conto anche dei misteri delle preghiere sacerdotali, che, tramandate dagli apostoli, sono solennemente offerte uniformemente in tutto il mondo e in tutta la Chiesa cattolica, perché la regola della preghiera determini la regola della fede» (indiculus 8). Prospero enumera poi varie richieste fatte dalla Chiesa nelle sue preghiere ufficiali e ne deduce la necessità della grazia divina, poiché altrimenti la richiesta e il ringraziamento della Chiesa sarebbero inutili e senza senso. Per Prospero, quindi, la fede della Chiesa si manifesta nella preghiera della Chiesa, così che la preghiera ufficiale della Chiesa è il metro con cui deve essere letta la fede della Chiesa.

Già il suo maestro, Agostino, aveva sviluppato l'idea che la preghiera della Chiesa testimonia la sua fede e la rende riconoscibile. Il principio lex orandi–lex credendi era ormai parte della comprensione di base della dottrina cattolica. La liturgia, al pari della Scrittura e della Tradizione, è un locus theologicus, un luogo di esposizione, una fonte di conoscenza e una testimonianza di ciò in cui crede la Chiesa. Papa Pio XII definì la liturgia “un riflesso fedele della dottrina tramandata dai nostri antenati e creduta dal popolo cristiano” (Lettera enciclica Ad Coeli Reginam, 1954). Parimenti, ha sottolineato, «l'insieme della liturgia, dunque, contiene la fede cattolica in quanto testimonia pubblicamente la fede della Chiesa» (Enciclica Mediator Dei, 1947).

L'unica espressione di tutti gli elementi del Rito Romano?

Papa Francesco, però, ora definisce, o meglio riduce, la liturgia del rito romano a quella che è espressa nei libri liturgici promulgati da Paolo VI e Giovanni Paolo II. Questi libri sono “l'unica espressione della lex orandi del rito romano”. Se si assume il significato originale [vale a dire, alla lettera] della terminologia qui usata, allora anche la lex credendi - ciò che si deve credere - dovrebbe essere presa solo da quei libri. Ma è proprio vero? Questi libri sono davvero gli unici sufficienti a poter desumere da essi la fede cattolica?

Certamente, la lettera papale che accompagna il motu proprio suggerisce che tutto l'essenziale del rito romano prima della riforma liturgica si trova anche nel messale di Paolo VI: «Chi volesse celebrare con devozione secondo l’antecedente forma liturgica non stenterà a trovare nel Messale Romano riformato secondo la mente del Concilio Vaticano II tutti gli elementi del Rito Romano, in particolare il canone romano, che costituisce uno degli elementi più caratterizzanti». Tralasciando l'esperienza della pratica liturgica, dove il Canone romano non è quasi mai usato nel Novus Ordo - né nelle funzioni parrocchiali, né nelle chiese episcopali, né nelle liturgie papali - bisogna chiedersi se effettivamente «tutti gli elementi del rito romano» si trovano nei nuovi libri liturgici. A questa domanda può rispondere affermativamente solo chi considera obsoleto molto di ciò che ha caratterizzato per secoli il rito romano e ne ha costituito la ricchezza teologico-spirituale, come è evidentemente il caso di papa Francesco.

Riforma liturgica: damnatio memoriae

Ciò includerebbe tutto ciò che è stato sradicato dalle forze trainanti della riforma liturgica, sia per accogliere i protestanti in uno sforzo ecumenico fuorviante o per soddisfare la presunta mentalità dell'"uomo moderno".

Per citare solo alcuni esempi: Nella gerarchia liturgica le feste dei santi furono abolite o degradate. Le preghiere dell'offertorio con l'idea chiara e univoca del sacrificio furono sostituite da una preghiera di benedizione nella mensa ebraica. Il Dies irae, la struggente rappresentazione del Giudizio Universale, non era più tollerato nella Messa da Requiem. L'avvertimento dell'Apostolo Paolo nell'epistola del Giovedì Santo che chi si comunica indegnamente mangia e beve la sua condanna (1 Cor 11,27) è stato omesso. Le Orazioni: quei “gioielli più belli del tesoro liturgico della Chiesa” (Dom Gérard Calvet OSB), che sono tra le componenti più antiche del suo patrimonio spirituale e sono completamente imbevute di dogma, costituiscono praticamente una 'summa theologica' in nuce, esprimendo integralmente e concisamente la fede cattolica... Le sole Orazioni del Rito Classico, di cui solo una piccolissima parte è stata incorporata senza modifiche nel Messale di Paolo VI, contengono e conservano numerose idee affievolite o del tutto scomparse nelle versioni successive modificate, ma che appartengono indissolubilmente alla fede cattolica: distacco dai beni terreni e nostalgia dell'eterno; la lotta contro l'eresia e lo scisma; la conversione dei non credenti; la necessità di ritornare alla Chiesa cattolica e alla verità genuina; meriti, miracoli, apparizioni dei santi; L'ira di Dio contro il peccato e la possibilità della dannazione eterna. Tutti questi aspetti sono profondamente radicati nel messaggio biblico e hanno inequivocabilmente plasmato la pietà cattolica per quasi due millenni. 

Oltre a queste modifiche dirette allo stesso Rito Romano, però, non vanno dimenticati gli altri aspetti concomitanti che rivelano una concezione di fondo profondamente mutata della Santa Messa [una sintesi qui]: preziosi altari maggiori distrutti, sostituiti da mense; preziosi paramenti bruciati o svenduti; “Tinnef and Trevira” (M. Mosebach) fecero il loro ingresso,[1] il canto gregoriano e la lingua sacra latina furono banditi dalla liturgia. L'approccio della riforma liturgica ricorda in parte la damnatio memoriae nell'antica Roma, la cancellazione della memoria dei governanti sgraditi. I loro nomi sugli archi di trionfo furono cancellati, le monete con le loro immagini fuse. Niente dovrebbe più ricordarcelo. Tutti i cambiamenti effettivamente avvenuti nel corso delle riforme liturgiche assomigliano inequivocabilmente a una damnatio memoriae, una deliberata cancellazione della memoria della liturgia cattolica tradizionale. [vedi effetti sottolineati di Michael Davies qui]

Paralleli nel IV secolo

Nella storia della Chiesa ci sono state svariate volte situazioni simili. A metà del IV secolo furono negate la divinità di Cristo e quella dello Spirito Santo: Figlio e Spirito erano solo creature di Dio. Vescovati e chiese erano ampiamente nelle mani degli eretici ariani. Coloro che rimasero ortodossi si riunirono in luoghi remoti per adorare. Nel 372, il vescovo Basilio di Cesarea diede una commovente descrizione della situazione:

Gli insegnamenti dei padri sono disprezzati, le tradizioni apostoliche sono ignorate e le chiese sono piene delle invenzioni degli innovatori. I pastori sono stati cacciati e al loro posto portano lupi rapaci per sbranare il gregge di Cristo. I luoghi di preghiera sono abbandonati da coloro che vi radunavano, le lande desolate sono piene di gente che piange. Gli anziani si lamentano mentre confrontano il tempo passato con il presente; i giovani sono ancora più da compiangere perché non sanno nemmeno cosa è stato loro tolto. (Epistula 9:2)

Queste parole del IV secolo si applicano senza dubbio anche alle generazioni nate dopo il Concilio: da lungo tempo non sanno nemmeno cosa sia stato loro tolto, perché conoscono solo l'aspetto attuale della Chiesa.

Due espressioni o una?

Papa Benedetto XVI, con il motu proprio Summorum Pontificum del 7 luglio 2007, ha reso nuovamente accessibili i tesori dell'immacolato deposito di fede della Chiesa, affinché le giovani generazioni possano ora conoscere nuovamente e testimoniare con la propria esperienza ciò che originariamente era stato loro tolto. L'allora pontefice parlò di “due espressioni della lex orandi della Chiesa”, l'espressione ordinaria (ordinaria expressio) che si trova nel Messale promulgato da Paolo VI, e l'espressione straordinaria (extraordinaria expressio) che si trova nel Messale Romano riedito da San Pio V e Giovanni XXIII (SP, art. 1) [sulle “due forme” vedi]. Nel suo più recente motu proprio, papa Francesco, nella scelta delle parole e della struttura della frase, si riferisce direttamente a questo passaggio (espressione della 'lex orandi') , ma ad essa si pone diametralmente opposto determinando ormai solo una “forma espressiva unica” (l'unica espressione) della lex orandi valida (TC, art. 1).

Ma quale significato può ancora rivendicare la forma tradizionale della liturgia per la coscienza di fede della Chiesa? Se il recente motu proprio e la lettera di accompagnamento rendono subito evidente che il vero obiettivo a medio o lungo termine è la totale distruzione della liturgia tradizionale, e che per il momento è ancora concesso un periodo di grazia con drastiche restrizioni che mirano rigorosamente a prevenire ogni possibilità di una sua ulteriore espansione, allora, qualora la resistenza decisiva non dovesse concretizzarsi, il lamento di Basilio il Grande sulla sorte della generazione più giovane del suo tempo risuonerà ancora una volta con forza rinnovata: "Poiché non sanno nemmeno cosa è stato loro tolto". 

Salvare la Sposa di Cristo dall'amnesia

I nuovi regolamenti emanati ricordano spaventosamente ciò che l'autore George Orwell descrisse come una desolante visione del futuro nel suo romanzo del 1948 1984. C'è la dittatura di un Partito, che governa in uno stato totalitario: "Il Grande Fratello ti guarda". In questo stato ci sono diversi ministeri. Il Ministero della Pace prepara le guerre. Il Ministero dell'Abbondanza gestisce l'economia socialista della scarsità. Non si parla di un Ministero della Salute, ma c'è un Ministero della Verità, che diffonde la propaganda ufficiale della menzogna: il partito ha sempre ragione. Perché ciò avvenga, ogni ricordo del passato deve essere cancellato. Non devono essere più possibili confronti; tutto deve sembrare senza alternative. Il Ministero della Verità è impegnato a cambiare tutto ciò che ricorda il passato e potrebbe rendere possibile un simile confronto. Orwell scrive:
Già non sappiamo quasi letteralmente nulla della Rivoluzione e degli anni precedenti la Rivoluzione. Ogni documento è stato distrutto o falsificato, ogni libro è stato riscritto, ogni quadro è stato ridipinto, ogni statua, strada ed edificio è stato rinominato, ogni data è stata alterata.[2]
Associare le parole di Orwell al recente Concilio non sembra illegittimo, dal momento che il Vaticano II è stato ampiamente celebrato come una "rivoluzione della Chiesa dall'alto". La situazione paradossale si presenta così: affinché la Sposa di Cristo, la Chiesa, sia preservata dall'amnesia, dalla perdita della memoria, i cattolici fedeli alla tradizione dovranno ora dimostrarsi controrivoluzionari, i fedeli conservatori dovranno assumere il ruolo dei ribelli, per essere infine trovati ad essere se stessi, dinanzi al giudizio della storia e soprattutto agli occhi di Dio, i veri e unici tradizionis custodes , custodi della tradizione, che davvero meritano questo nome.
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]
________________________
[1] "Tinnef" significa articoli realizzati con plastica riciclata. “Trevira” è un tipo di tessuto in poliestere.
[2] Edizione Signet Classics, p. 155.

3 commenti:

  1. Da Lo Spigolatore Romano31 agosto 2021 10:59

    Traditionis custodes non è un documento terrorizzante per la liturgia antica, ma un documento di chi è terrorizzato dalla liturgia antica e dall'inarrestabile diffusione che ha avuto da almeno 40 anni a questa parte, soprattutto tra giovani e giovanissimi. Lo stesso Francesco confidò ad un vescovo di non capire proprio il perché i giovani amavano così tanto il rito antico. Secondo la mente dei modernisti infatti il rito antico è solo per nostalgici ottuagenari e deve pertanto morire con essi. I giovani, secondo i modernisti, devono amare il rito nuovo, costruito (da vecchietti) proprio per chi è giovane!
    Il constatare invece che almeno l'80% di chi ama tale rito ha un'età media che si aggira sui 20/30 anni è semplicemente terrorizzante. Da qui l'unica possibilità pratica che hanno i modernisti: circoscrivere, limitare e proibire, cercando in tal modo di arginare la diffusione del rito antico del quale Francesco ha programmato l'estinzione. Ma non aveva fatto altrettanto Paolo VI cinquant'anni fa? Quindi la morte programmata da Paolo VI non ha prodotto il risultato voluto?
    Il problema è che i vecchietti che governano la Chiesa, che lo siano per età anagrafica o per età mentale, essendo accecati dall'ideologia non vedono la realtà, o, meglio, la vedono, ma fanno finta di no vederla. Nel 1984 la congregazione del culto divino pubblicò la lettera Quattuor abhinc annos in cui, forse involontariamente, viene esposto con chiarezza questo accecamento ideologico. Vi si dice infatti che quattro anni prima era stato inviato ai vescovi un questionario ed "In base alle loro risposte sembrava fosse risolto quasi completamente il problema di sacerdoti e fedeli rimasti legati al «rito tridentino" (cfr. lettera citata). Nel 1980 cioè i vescovi ritennero che il "problema messa antica" era praticamente risolto. Ma nel 1984 proprio la lettera Quattur abhinc annos riconosce che il "problema" non solo non è risolto ma perdura.
    A questo punto ci si deve chiedere: ma perché nel 1980 i vescovi risposero che il problema era praticamente risolto? La risposta è semplice: i vescovi non vedevano o non volevano vedere il problema che pertanto, ai loro occhi, era risolto. Sono passati 40 anni da quella prima consultazione episcopale sul "problema messa antica" e anche senza dirlo apertamente, come invece fa la lettera Quattuor abhindc annos, il motu proprio Traditionis custodes è la dimostrazione che il "problema messa antica" perdura, è vivo e vitale.

    RispondiElimina
  2. Da Lo Spigolatore Romano31 agosto 2021 10:59

    ... segue
    La colpa oggi viene data al Summorum Pontificum, ma 40 anni fa la colpa del perdurare del "problema" di chi era? Nessuno lo dice, ed allora lo diciamo noi: la colpa del "problema messa antica" è della messa nuova. Summorum Pontificum, al di là dei limiti delle singole disposizioni ed affermazioni, è stato un tentativo di spegnere, o per lo meno attenuare, la conflittualità tra ordo nuovo ed ordo antico cercando pure di porre un qualche rimedio, un vero e proprio rattoppo giuridico attraverso la formula delle due forme del medesimo rito, alla situazione creata da Paolo VI che non abroga il messale antico e ne pubblica uno nuovo. Spengere la conflittualità tra nuovo ordo e ordo antico era e resta un'utopia, perché "Il nuovo Ordo è stato promulgato perché si sostituisse all’antico" (Paolo VI, allocuzione al concistoro segreto 24/5/1976). Il nuovo rito cioè è stato realizzato proprio per essere contro quello antico. Pensare pertanto di eliminare o anche solo attenuarne la conflittualità è pura utopia. I modernisti lo sanno e per questo lo vogliono distruggere. Ma sono cinquant'anni che ci provano e ancora non ce l'hanno fatta. Nonostante ogni volta si siano illusi di esserci riusciti. E non ci si riuscirà mai a distruggere il rito antico sia perché ha come minimo quindici secoli di storia, e, soprattutto, perché quello nuovo di storia ne ha solo cinquant'anni. Sarebbe come pretendere di sostituire i piatti della grande tradizione culinaria italiana con le pasticche energetiche che contengono tutti i medesimi valori nutrizionali dei piatti tradizionali. Provate a dire ad un modernista stesso di non mangiare più gli spaghetti al pomodoro, o la pasta all'amatriciana oppure le lasagne alla bolognese e di cibarsi invece con una pasticca che contiene tutti gli stessi elementi nutrizionali. Come minimo vi picchia! Ecco: loro liturgicamente vogliono fare questo. E sono pure convinti (anzi, convinti proprio no, ma si illudono di esserlo) che ci riusciranno! Solo un matto da legare può pensare di riuscire in tale impresa, esattamente come solo un matto da legare può pensare di sostituire la tradizione culinaria antica con una pasticca energetica moderna.

    RispondiElimina
  3. Ci vogliono murare vivi, è evidente.
    "Loro chi?" chiede sempre qualcuno a questo punto.
    Ma sant'Iddio, dopo duemila anni di cristianesimo, e trecento anni di continue rivoluzioni storiche, ancora ci facciamo domande di questo genere?
    Ebbene se sei cristiano, dovresti sapere ciò che ci dice san Paolo:
    "La nostra battaglia non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti. (Ef. 6 11-12)
    Già, ma chi predica più questa semplice evidenza delle cose? e come mai non se ne sente più parlare molto dai vari pulpiti, che guarda caso però sembra che abbiano sempre meno ascoltatori?
    Se poi sei un cristiano secolarizzato potresti comunque renderti conto che questi dominatori, The Masters of the universe, come li chiama un economista come Krugman, sono oggi grandi Compagnie, Banche, Fondi finanziari, con tutto il corredo di funzionari, manager, politici compiacenti, ovviamente "di altissimo profilo", istituzioni sovranazionali, e sistema mediatico-culturale al soldo, e cioè tutti molto ben pagati dagli stessi Signori.
    Comunque tutte queste potenze, visibili e invisibili che siano, ci vogliono murare tutti dentro il Terrore della storia, come diceva il grande storico delle religioni Mircea Eliade.
    Dentro una storia sempre più terrorizzante.
    Se infatti ci schiacciano e ci sbattono tutti dentro il tubo di ferro del tempo mortale, terrorizzandoci, e togliendoci piano piano ogni respiro, credono di averla vinta definitivamente.
    Poveri illusi! d'altronde i demòni e i loro servitori sono furbi, certo, molto furbi, ma anche sostanzialmente molto stupidi.
    E allora, fratelli, desidero donarvi stamattina due piccoli spunti per fregare i guardiani delle nostre prigioni.
    Il primo è questo: la sfera dell'Eterno è sempre presente:
    puoi quindi sfuggire al terrore del tempo murato in ogni istante, anche ora. Scrive Agostino:
    "Esamina i cambiamenti delle cose, tu troverai le espressioni fu e sarà; pensa a Dio e scoprirai che egli E' e che in lui non può esserci né fu né sarà. Se anche tu vuoi essere, trascendi il tempo".
    E ciò è possibile, fratelli, ed è concretamente, fisicamente sperimentabile, anche se magari a tratti.
    Quindi imparare a frequentare le sfere dell'Eterno (che sussitono per tutti, anche per chi non sia cristiano, né abbia una fede specifica, ma che comunque desideri avventurarsi LI') ci aiuta a sfuggire al sistema del terrore, che vorrebbero portare a perfezione.
    Il secondo piccolo insegnamento ci viene anch'esso da Agostino, che ci insegna che, se vogliamo sperimentare tutta la ricchezza e la bellezza dell'Eterno, dobbiamo compiere due movimenti:
    prima dobbiamo abbandonare il dogmatismo del mondo esteriore (tutte, ma proprio tutte le chiacchiere del giorno), per rientrare in noi stessi; ma poi da quelle profondità dobbiamo slanciarci oltre qualsiasi idea o immagine anche di noi stessi verso un Assoluto Cielo, verso una Fonte, cui da sempre apparteniamo, e che in realtà ci sta richiamando a Sé con inaudita dolcezza.
    Ecco io credo che la lotta contro i Signori di questo mondo, sia quella spirituale che quella politica, non possa più fare a meno di questo tipo di esperienza, e direi di addestramento quotidiano.

    RispondiElimina