martedì 14 settembre 2021

Visita ad limina dei vescovi francesi: “basta” alla messa tridentina

Una notizia dolorosa ma non sorprendente, viste le premesse, dalle parole di Bergoglio ai vescovi francesi sulla Messa dei secoli. Le riprenderò in un apposito articolo perché, oltre ad essere dure e sprezzanti, sono false (la Messa antiquior  - stiamo parlando della riattualizzazione del Sacrificio di Cristo - non è un'attrazione liturgicacopre posizioni ideologiche) e non devono restare senza confutazione coram populo... Intanto, di seguito, la cronaca, che riguarda anche Parigi. Qui l'indice dei precedenti sulla TC.

I vescovi francesi stanno attualmente compiendo la loro visita ad limina, abbreviazione di ad limina apostolorum che significa "sulla soglia [delle basiliche] degli apostoli". Con questo termine si designa la visita che ogni vescovo deve fare periodicamente alla Santa Sede. I vescovi europei fanno questo pellegrinaggio ogni 5 anni.
La visita ad limina è un pellegrinaggio sulle tombe degli apostoli San Pietro e San Paolo. Ma è stato istituito per rafforzare i legami con la Santa Sede. Durante la visita ad limina, i vescovi incontrano il Papa e i capi dei dicasteri e delle congregazioni della Curia romana.

Così Papa Francesco ha ricevuto una prima delegazione di vescovi francesi, in visita ad limina, venerdì 10 settembre 2021. Come riporta la rivista online Famille Chrétienne, nell'edizione dello stesso giorno, si è discusso per più di due ore "di politica, del motu proprio Traditions Custodes o del sinodo sulla sinodalità" [vedi].

Interpellati dai media, alcuni presuli riferiscono che "i vescovi sono stati incoraggiati dal pontefice ad un'autentica “prossimità pastorale con gli uomini e le donne impegnati in politica”."

La rivista aggiunge che il Papa li ha esortati a non impegnarsi in una corrente o a trarne profitto, ma a ricordare i grandi principi della Chiesa, in primo luogo quello della dignità della persona umana in ogni fase della vita.

Quanto al motu proprio Traditionis custodes, il Papa, riferisce Famille Chrétienne, citando alcuni vescovi, "ha insistito sul fatto che la celebrazione del rito antico non doveva essere un pretesto per rifiutare il Vaticano II".

Infine ha insistito: "Bisogna mettere un limite e basta", perché un'attrazione liturgica non copra una posizione ideologica. Allo stesso tempo, il successore di Pietro li ha incoraggiati ad assumere un "atteggiamento paterno" nei confronti dei fedeli.

Papa Francesco può invitare a un "atteggiamento paterno", ma quando dici a tuo figlio "Basta!" sembra difficile far credere che sia un linguaggio amorevole. È più un invito a uscire di casa che altro.

Inoltre, i vescovi francesi non hanno aspettato l'esplicito invito di Francesco a interpretare il suo motu proprio. Che si guardi all'azione di mons. Roland Minnerath, vescovo di Digione, che ha cacciato una comunità Ecclesia Dei [qui e da qui], anche prima della pubblicazione del testo, ma in previsione di essa. O quella di mons. Michel Aupetit che lo applica in un modo che è tra i più severi nell'arcidiocesi di Parigi.(1)

L'impazienza di Francesco conferma la sua vendicatività contro la Messa tradizionale, così come la sua impotenza di fronte alle crescenti critiche al Concilio Vaticano II, che non possono più essere fermate. Questo atteggiamento è penoso e annuncia una fine dolorosa e patetica del regno.
(Fonti: Famille chrétienne/Eglise catholique de France – FSSPX.Actualités)
__________________________
Nota di Chiesa e post-concilio
1. Cito da Riposte Catholique (traduzione mia)
L'Arcivescovo di Parigi riduce drasticamente il numero delle messe celebrate secondo il messale del 1962 a Parigi. Si passa da quindici luoghi di culto a cinque. [...] Il messale del 1962 è stato rapidamente sradicato dalle parrocchie dove si era sviluppato dopo il 2007. Una sorta di ritorno alla situazione “lustigeriana” prevalente negli anni Novanta, ma con altre due parrocchie (Sainte-Jeanne di Chantal e Saint -Rocca). Una visione un po' curiosa della reiterata “accoglienza incondizionata per tutti”. Non è certo che sostituire la messa tridentina con una messa in latino novus ordo, come a Notre Dame du Travail, sia sufficiente per placare i fedeli depredati.
Mons. Aupetit specifica che “potranno celebrare nella vecchia forma i sacerdoti che hanno ricevuto da me la missione scritta. Per promuovere ulteriormente la comunione, mi auguro che i sacerdoti chiamati siano aperti ai due messali” .
Inoltre, «coloro che hanno l'abitudine di celebrare con il messale del 1962 devono, per proseguire, ottenere la mia autorizzazione scritta». Mons. Aupetit, infine, precisa che “le letture si facciano in francese nella traduzione liturgica ufficiale del 2013”. Il vescovo Patrick Chauvet è stato nominato delegato per l'uso del messale del 1962.
È difficile pensare che questo colpo di martello non farà reagire i fedeli...

1 commento:

  1. Stanno crollando. Prima di ogni disfatta si moltiplicano le fucilazioni.

    RispondiElimina